Le origini di Gaeta tra storia e tradizione

Gaeta ha avuto origine nel VII secolo a.C. come piccolo villaggio sul mare, situato su una collina chiamata “Colle dei Cappuccini”, in posizione predominante sulla costa e sui dintorni. Il villaggio si sviluppò intorno ad un’area fortificata nelle vicinanze della prima costruzione religiosa dedicata ai Santi Cosma e Damiano (i Santi Medici), dapprima un piccolo insediamento di contadini e di pescatori.

L’Antico Quartiere di Sant’Erasmo

La zona medievale della città è stata nei secoli protagonista e testimone di importantissimi eventi storici e ospita siti di grande interesse artistico. Oggi questa parte di Gaeta viene chiamata “Gaeta Vecchia”.

Cattedrale di Sant’Erasmo e Marciano – Piazza Episcopio

Costruita nei secoli X e XI sulla Chiesa di Santa Maria del Parco, alle sue spalle si può ammirare il bellissimo Campanile (XII sec.) arricchito da una particolare decorazione di derivazione arabo-normanna che, insieme al campanile della Cattedrale di Amalfi rappresenta un magnifico esempio di arte medievale.

Palazzo De Vio e Museo Diocesano – Piazza Cardinale De Vio, 7

Appartenuto al Cardinale Tommaso De Vio, ospita il Museo Diocesano nel quale è possibile visitare una magnifica pinacoteca con quadri di importanti pittori locali quali Giovanni da Gaeta, Scipione Pulzone e Sebastiano Conca. È possibile, inoltre, ammirare una splendida tela della “Scuola Giottesca” e una collezione di Exultet Benedettini, oltre a bellissime ceramiche del XV secolo.

La Pinacoteca ospita il famoso Stendardo di Lepanto, realizzato da Girolamo Siciolante nel 1536 , benedetto dal Papa Pio V e consegnato all’Ammiraglio Marcantonio Colonna che lo issò sulla Galea “Capitana” durante la battaglia contro i Turchi. La Flotta Cristiana combatté nel Golfo di Corinto contro i Turchi che depredavano e razziavano le coste del Mediterraneo.

Dopo la vittoria di Lepanto del 7 Ottobre 1571, Marcantonio Colonna venne a Gaeta per sciogliere il suo voto fatto prima della partenza per la battaglia: l’Ammiraglio andò nel Duomo di Gaeta a chiedere la protezione a Sant’Erasmo e qualora fosse tornato vincitore grazie alla sua intercessione avrebbe donato il sacro stendardo al Santo.

Sono numerose e importanti le mostre organizzate ogni anno in questo edificio.

Tel. Call Center +39 0771 286217

Tel. Reception +39 0771 4530233